La Normandia – 4 parte

… Il quarto giorno di viaggio mi porta finalmente dove volevo andare da quando avevo 15 anni.
Quando studiai la guerra dei cento anni a scuola, sul libro c’era una foto di un monte che fu l’unico inespugnato da parte degli inglesi per ben 11 anni:Mont Saint-Michel.
La foto era bellissima.
Dopo aver finito l’anno scolastico, cannibalizzai il libro, strappai la pagina e me la misi sul muro (all’epoca non c’era ancora google immagini!).
Da quell’anno e per tantissimi anni, mi rimase quella foto sul muro che ogni tanto guardavo e mi dicevo che prima o poi sarei andata a vederla con i miei occhi; mi entrò nel cervello questa idea, per non uscirvene più.

Dopo “appena” 30 anni sono riuscita a venire a vedere questa speciale isola, anche  perchè  effettvamente non è molto facile arrivarci.
Non c’è un treno diretto, o un volo diretto, ci vogliono parecchi incroci di mezzi di locomozione per arrivarci, infatti la maggioranza di persone ci arriva in macchina.
C’è un parcheggio grande come l’Eur per accogliere tutte le macchine che devono rimanere sulla terra ferma.
Tutto perfettamente organizzato anche con un dispiego enorme di ausiliari e poliziotti, gentilissimi, cordiali e sempre sorridenti.
L’isola si raggiunge con una navetta gratuita (comunque si paga il parcheggio) che ti porta direttamente a metà ponte.
Luogo perfettamente misurato per fare delle ottime foto panoramiche.

Siamo arrivati verso l’ora di pranzo italiana (l’una e mezza) e vi posso dire che c’era più gente qui che allo stadio il giorno dell’addio di Totti!

Assolutamente vi consiglio, con un pò di sacrificio economico, di dormire all’interno.
L’unico modo per vedere al meglio Mont Saint-Michel è con poche persone, e questo può essere fatto solo dopo il tramonto.
Tramonto che quando ci siamo stati noi è stato alle 21:58… tanto per rendervi conto per quante ore al giorno il luogo è strapieno di persone.

Se uno avesse anche il fisico, potrebbe fare delle bellissime foto notturne.
Noi ci abbiamo provato.
Siamo andati a letto alle 23,40 ed ancora c’era luce!
Abbiamo messo la sveglia alle 2.
Quando è suonata non ce l’abbiamo fatta ad alzarci, perdendoci per sempre la possibilità di fare la foto con il monte tutto illuminato, ma abbiamo pensato che tanto avevamo solo i cellulari e non sarebbe venuto nulla di bello (questa è stata la scusa che ci siamo dati.)
In compenso alle 6 stavamo in piedi, e siamo andati a gustarci la nostra seconda marea da che stavamo lì.

Piccola digressione sulle maree.
Abbiamo avuto dei problemi per capire come funzionassero.
Prima di tutto quando le cercate su internet, c’è scritto un orario, quello è quando la marea è “finita”, quando ormai tutto è sommerso, più o meno, dall’acqua.
Naturlmente la cosa più bella è vedere l’acqua che galoppa fino ad arrivare al ponte.
Non so dirvi quanto tempo prima bisognerebbe mettersi a guardare in lontananza per vedere avanzare l’acqua, perchè in tutte e due le volte l’abbiamo vista che già lambiva l’isola!
Vabbè, è sempre stata una bella sensazione.
Nessuna delle due volte l’isola è stata, completamente isolata.

Ho anche scoperto una cosa che proprio non avevo capito, pur se mi ero informata.
Ogni volta che c’è la marea, c’è un culmine, e dopo un’ora circa, ricomincia gradualmente a tornare indietro.
Io pensavo che la sera la marea salisse e la mattina se ne andasse via, invece no, due volte al giorno (mattina e sera) arriva e se ne va via.

Siamo andati a visitare il monastero, meraviglioso, anche se mette a dura prova la propria forma fisica ( la mia poi partiva già male!)

Abbiamo avuto solo due piccoli contrattempi :
1)Abbiamo provato a mangiare la famosa frittata, ma abbiamo trovato l’unico ristorante che a cena non la faceva, il che forse non è male visto che una frittatona va dai 40 euro ai 70.
2)Siamo capitati un una stanza oscenamente sporca e piena di muffa, che per fortuna, giustamente, c’hanno cambiato immediatamente.

Io stavo come una bimba dentro ad un negozio di cioccolata, ogni vicolo ogni scorcio era un “wow” dietro l’altro.
L’avevo tanto sognata, tanto studiata, tanto guardata in internet, che praticamente era proprio come me l’ero immaginata: magica.

Un sogno che si realizza è  qualcosa di meraviglioso, ma per assurdo lascia un vuoto. Assurda come affermazione, ma ora mi ritrovo con un sogno realizzato ed un posto vuoto vacante… che devo assolutamente ricolmare andando a vedere l’aurora boreale! ah ah ah.

Per mia scelta vi metterò solo le foto dove si vede Mont saint Michael senza gente… (fine 4 parte)

IMG_5633.jpg

index

IMG_5657IMG_7911IMG_7909IMG_7907IMG_7908IMG_7904IMG_7917IMG_7913IMG_7921IMG_7924IMG_7912IMG_7928IMG_7933IMG_7929IMG_7936IMG_7946IMG_7948IMG_7960IMG_7969IMG_5673IMG_7978IMG_7976IMG_7971IMG_7980IMG_7975IMG_7972IMG_7973IMG_5676IMG_7982IMG_5675IMG_7981IMG_7989

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: