Informazione di servizio.

Avete visto da voi quando in questo periodo sia veramente poi diligente con il blog.
Vi volevo informare che esiste anche la pagina Fb di Persbaglio, e li mi capita più spesso di passarci, anche perchè diciamoci la verità, stiamo semprè lì a “spippettare” ( nel senso non erotico del termine ah ah ah) ed a guardare gli aggiornamenti, ed a farci rapire dai video dopo i video, così per ore ed ore…
Uhm… stavo dicendo quindi, che se volete far parte delle comunity Persbaglio e vi non vi volete perdere alcune delle cose assurde che il web ogni giorno ci regala, prego cliccate qui: Persbaglio

Andata e ritorno in qualche foto

un-trasloco.jpg

Lei è sempre la prima che capisce cosa sta succedendoQuesta volta sono partita da Monaco al gate k… Praticamente bisogna prendere un trenino che ti porta in una nuovissima ala dell’aereoporto.

Bagno così pulito… anche meglio di quello appena lasciato a casa mia!

Tutto pulito e luccicante.

Anche un attrezzatissimo parco per i bambini.

Andata.

Ritorno.

Lei che si rimpossessa della mia valigia.Non ho messo foto dell’arrivo a Fiumicino, e dei bagni annessi. Non mi va di sparare sulla croce rossa!

Ci sono…

Anche se a fatica!
Ho avuto parecchio da fare quest’ultima settimana.
Tra le altre cose sono stata in Italia, e non ho avuto il tempo di organizzarmi qui sul Blog.
Quando sono tornata c’erano diversi appuntamenti già presi ed il weekend, anche se orribile meteorologicamnte era comunque fitto di impegni.
Poi in settimana vi dirò un paio di cose che mi sono successe a Roma che mi hanno parecchio perplesso, riguardo la sicurezza negli aereoporti e vi farò vedere come i tedeschi si vanno a prendere da soli, nei campi, le fragole.
Ma per ora basta parlare.

33.jpg

Buon inizio settimana a tutti.
Persbaglio.

Rieccomi a voi.

un-trasloco.jpg

Mi siete mancati.
Ho staccato completamente la spina.
Ho fatto una prova con me stessa:  ho messo della distanza tra me il blog, e senza nessun tipo di costrizione, mi sono accorta che mi mancava.
Proprio come quella massima sull’amore: “Se ami qualcuno lascialo libero. Se torna da te, sarà per sempre tuo, altrimenti non lo è mai stato.” Così è successo a me.
Sappiate che da quando mi sono presa del tempo per me, per decidere, non c’è stato un giorno che io, navigando nel web, non abbia salvato qualche fotina interessante per il blog.
Quindi dopo tutto ciò, posso dirvi: “Rieccomi qui!”
Ho qualche precisazione da farvi, per onestà intellettuale.
Non sarò presente come prima (con cadenza giornaliera weekend escluso), sarò presente sicuramente un paio di volte a settimana, e sicuramente qualche volta in più e forse addirittura di domenica! 🙂
Naturalmente quando potevo “ricomparire”?
Nel mio giorno preferito: il venerdì! con tanti tanti gatti come al solito.

Voglio condivere con voi una cosa che mi ha immensamente commosso, e se vi devo dire la verità mi ha tanto emozionata da farmi scendere una lacrimuccia.
Ho ricevuto tante email da voi, alcune da degli “Aficionados” ed altre da dei “Silenti”.
Rimango sempre esterefatta  nello scoprire che “pubblico” meraviglioso che ho.
Le vostre manifestazione di affetto mi hanno immensamente commosso.
Fino a ieri pomeriggio non avevo ancora riaperto l’email del blog, e sono rimasta senza parole accorgendomi che delle 97 email che avevo solo una decina era spam.
Le altre erano vostre, con data che andavano dal mese scorso a ieri pomeriggio.
Ho passato tutto la sera e la mattina a rispondervi.
Sono contenta delle vostre manifestazioni d’affetto, sono felice delle vostre richieste di aggiornare il blog.
Nessuno di voi mi è venuto contro, anzi molti di voi mi hanno salutata come se non ci saremmo mai più rivisti.
Mi avete emozionati tutti, molti di voi mi hanno raccontanto della loro vita; mi avete raccontanto in che periodo della vostra vita vi siete incontratati come me.
Leggervi, rendermi partecipi di chi siere, raccontarmi di voi, è stato emotivamente forte.
Tutti voi mi avete ringraziato per qualcosa, per come io vi avessi fatto ridere,per come io vi facessi passare qualche minuto spensierato, per come io vi avessi deliziato con animali morbidini… bè sono io a ringraziarvi.
Grazie a tutti voi, non posso mettermi a scrivere tutti i vostri nomi, ma voi che mi avete scritto sapete che parlo di voi: Grazie amici.
Mi vorrei soffermare in particolare su due di voi…
Quelli che oltre il messaggio hanno aggiunto anche delle foto!

Ringrazio Massi per “la sua richiesta di ritorno sul web” supportata dalla foto della bellissima Clara, che in aggiunta ai sui precedenti 4 gatti, mi chiedono di ritornare.
Grazie cara,anche la tua email, come quella degli altri, mi ha invogliato, doppia razione di pappa per tutti!
Listener.jpg

Vorrei ringraziare infine Giuseppe.
La sua storia mia ha commosso tantissimo.
Grazie a Persbagli è stato spinto ad adottare un gatto (tu pensi che sia una tua idea, ma si chiama lavaggio del cervello, sappilo!ah ah ah)
vi confesso che sono stata così toccata da questa cosa da farmi  un pianto ed inorgoglirmi immensamente.
Lui è Micione, penso che sia un micio stupendo ed anche tanto fortunato.
Grazie.
Listener.jpg
Per ora è tutto.
Ciao.
Persbaglio.

Aggiornameni vari.

un-trasloco

Appena tornata dall’Italia, proprio sulla soglia di casa mi attendeva, oltre a Luna ed al Consorte, l’influenza.
Il Consorte aveva passato tutto il fine settimana, venerdì compreso, in casa con la febbre ed il dolore alle ossa.
Secondo me non ha neanche aperto le finestre in quei giorni… ed appena ho messo il naso in casa, al primo respiro, mi sono presa l’influenza.
Contemporaneamente, nei primi 2 giorni di incubazione, nei quali ancora non sai che starai male, mi sono segnata in palestra!
La notizia, per voi gente normale, può anche passare in secondo piano, ma per chi mi conosce sa che è una notizia di quelle che ti cambiano la vita.
Nei miei 43 anni di pura pigrizia sono andata a fare sport solo per due volte in vita mia:
intorno al ’91 , ho fatto un mese di pesi( una schifezza assurda!); e poi c’ho riprovato forse nel ’95, “nientepopòdimenocchè” tre mesi di ginnastica in acqua ( e questa cosa mi è piaciuta tantissimo… non so come mai non ci sia più andata!); ah si, ci sono anche intervallate corse all’alba con una mia amica, quasi 7 km, peccato che poi al ritorno ci fermassimo a fare colazione con cappuccino e cornetto alla crema!
…Insomma questo per farvi capire quanto un evento così normale per i più, per me diventa quasi soprannaturale…
Il Consorte è da Settembre che va in palestra, ed è da allora che mi diceva:” quando ti segni anche tu, così ci andiamo insieme?” ed io “La prossima settimana!”.
Sono passate quasi 20 “prossime settimane”ma alla fine mi sono segnata, ma soprattutto ci sono andata.
Sono due settimane che mi sono iscritta e già ci sono andata 4 volte, nonostante tutto mi abbia remato contro: influenza, dentista e la neve.
Ho scoperto anzi che con l’influenza, l’unico momento che respiravo era quando facevo gli esercizi.
Il dentista mi ha abbastanza messo a terra, mi ha fatto un’anestesia da elefante ( non ho capito se per la mia mole o se per il lavoro da fare sul dente del giudizio) e sono stata quasi 10 ore senza sentirmi parte del volto: partendo da mezza lingua ad arrivare all’orecchio; da sotto l’occhio ad arrivare alla pappagorgia.
Ma nonostrante ciò, io il giorno dopo alle 10 stavo in palestra a fare gli esercizi “milon“.
E con la neve alta così:IMG_1539IMG_1541IMG_1540IMG_1542IMG_1543

Ma la neve, che in teoria dovrebbe bloccarmi dentro casa, invece mi spinge a mettere i miei piedini fuori, possibilmente proprio sulla neve ancora immacolata ( grande ficata le scarpe termiche!)

Insomma nonostante tutti questi “piccoli” disguidi, sto con regolarità andando in palestra… Diciamo che il “disguido” più grave mi si è proposto ieri, tornando dalla palestra.
Metto nella lavatrice i panni appena usati, ci metto il sapone, aziono il ciclo, e accendo la lavatrice.
E lei? non parte!
Stacco la spina… niente.
Levo i panni, li rimetto… niente.
Faccio diverse prove chiudendo la porta più o meno piano… niente.
Panico.

Dovete sapere che la lavatrice, ancor più della lavastoviglie, è il mio elettrodomestico prediletto. Oltretutto questa lavatrice ha anche il ciclo: “mezzo carico 15 minuti”, che io adoro ed uso spesso, soprattutto per l’abbigliamento della palestra.
Insomma: toglietemi tutto ma non la mia lavatrice.
Quel capoccione del Consorte, dopo aver studiato un pomeriggio a distanza sui manuali on-line su quali potessero essere le cause, e dopo averle escluse tutte, ha sentenziato: ” Si è rotto qualcosa!”
Ieri sera, ha smontato tutto, e dopo aver dato una pulitina al filtro (che tra l’altro non sapevo neanche di avere, e che non avevo mai pulito in due anni e mezzo!) ha scoperto la causa.
IMG_2894.jpeg

IMG_1555.JPG

un “pirulicchio” di plastica, proprio quello dell’accensione, si è rotto.
Abbiamo cercato ( Lui ha cercato) su ebay ed a 9 euro abbiamo comprato il pezzo, che arriverò tra oggi e domani.
Insomma, avere un ingegnere come marito è quasi una tragedia nella vita normale (ah ah ah) , ma sicuramente ha tanti lati positivi per quanto riguarda il “fai da te” 🙂
Insomma questo è tutto.

Direi che se a questo post ci aggiungo anche qualche di foto di Luna, vi ho proprio aggiornato su tutto.
IMG_1259IMG_1263IMG_1360IMG_1392IMG_1395IMG_1410IMG_1399Ci rivediamo domani.
Buona giornata.
🙂