Vacanze.

 

Credo che vi siate accorti che sono stata in “vacanza”.
La parola la metto tra le virgolette, poichè di vacanza (Periodo di libertà dal lavoro o dagli obblighi scolastici in coincidenza con festività, turni di riposo o altre circostanze: andare in v.; prendersi una v.) effettivamente non si è trattato.
Avere due settimane a casa il marito non è vacanza per la moglie casalinga.
E’ fare tutto doppio, per la serie mi riposo di più quando sta a lavoro.
Oltretutto per lui è stato un periodo stressante, causa l’abbandono dei due suoi mezzi di locomozione contemporaneamente: moto e macchina!
Povero lui, povera io, e povero il nostro portafoglio.
Credo che molto abbia influito il fatto che i due mezzi avessero tutti e due più di 19 anni… e si sa, il vintage è sempre più costosto di un vestito moderno.
L’unica cosa positiva è stata che per una settimana siano stati con noi i nostri amici di Pereto, e che con loro, abbiamo  scoperto posti molto belli e rivisto e soprattutto rifotografato posti che avevamo già visitato.
Quindi a voi, che passate da queste parti nei prossimi giorni, vi toccherà vedere delle bellissime foto ( fatte non da me ma da Sandro) riguardante la mia “vacanza”.
Spero che le vostre vacanze siano state più rilassanti, e spero che molti di voi ancora si trovino con i piedi in ammollo.
E si, mi manca molto una bella e rilassante settimana al mare, in un hotel a pensione completa di fronte al mare, con il Kindle pieno di libri da leggere… magari la prossima vacanza!

Va bene un saluto a tutti voi.
A domani con le foto.

20953381_874578272716818_5652018600731364666_n.jpg

 

Oggi me ne rimango a letto, metto solo”1 politico”

sono tornata.

un-trasloco

Mai quanto in questi giorni, la foto qui sopra, può rappresentare la mia vita!
Con Roma ho concluso tutto.
Preparazione scatoloni; carico scatoloni da parte della ditta traslochi; gente che è venuta a portare via i mobili rimasti ( ci sono voluti 3 giorni per svuotare casa);viaggi nelle isole ecologiche per buttare l’immondizia; sistemazione della cantina dei miei( che comunemente viene chiamata: “la stanza degli orrori!”); sistemazione di casa dei miei (causa cose rimaste, e cose ritornate, visto che in questi anni hanno utilizzato la mia casa come deposito di acque e lettiere);pulizia finale; notaio; banca.

A questo ci aggiungerei tantissime telefonate ed email tra me e l’aministratore, tra me ed i nuovi proprietari, tra me e l’agenzia, tra me e i traslocatori( che anche questa volta mi hanno fatto incazzare di brutto).
Tutto questo per 10 giorni!
Calcolate che sono sono ( siamo, visto che c’era anche mio fratello) stata praticamente agli arresti domiciliari.
Si lavorava senza sosta fino al pranzo e poi si continuava fino a cena, per fermasi lo stretto necessario e continuare fino a tardi.
Non sono riuscita a vedere nessuna delle mie amichette con le quali avevo organizzato, la sera ero troppo stanca e praticamente svenivo, più che dormire.

Tante incazzature, come ho già scritto con quelli del trasloco, con i “gentilisimi” condomini, che ahimè con il “cuore distrutto dal dolore” purtroppo ho appena abbandonato e tanto nervosismo anche a casa con i miei.
Quindi, secondo voi, quanto sono contenta di essere finalmente tornata qui in Germania?
Si… veramente tantissimo! 🙂
La cosa positiva e negativa insieme è che per domani è previsto lo scarico degli scatoloni.
Cosa positiva, che così domani finisce tutto.
Cosa negativa, che a pensare alla giornatina che mi si prospetta domani mi prende male.
Mi prende male prima di tutto perchè devo ancora sistemare la mia cantina, mica solo quella dei miei è “quella degli orrori!”
Mi prende male anche perchè, prima di partire, ci eravano organizzati per andare all’oktoberfest questo sabato.
Sono due anni che vivo qui ed ancora non avevo avuto modo di andarci, e pare che anche quest’anno salterò.

Sono così stanca che ancora non ho realizzato veramente di aver chiuso un capitolo della mia vita, tanto che non ho per nulla malinconia o un minimo di tristezza: per ora voglio solo che finisca tutto!
Forse dopo, quando mi fermerò a pensare, mi scenderà una lacrimuccia… forse, ma forse anche no!
Non sono il tipo che si guarda indietro.
E poi, come ho già scritto su Fb:
“Ultima notte in questa casa.
Non sono nostalgica: sono contenta delle scelte fatte.
La casa è dove si trovano il mio consorte e la mia gatta, oggi Augsburg, domani chissà… :-)”

Per oggi non ho neanche il tempo di soffermarmi più di quanto ho appena fatto sul blog.
Il Consorte è stato bravissimo questa volta, mi ha fatto trovare casa in ordine con solo una marea di panni da lavare e stirare.
Addirittura ha fatto una lavastoviglie tutto da solo! ahahah aha ahaah
Quindi diciamo che se non mi fonde la spina elettrica, oggi ho lavatrici a go go e corrispettivi “stiraggi”.

Pensatemi domani: io sarò quella che farà su e giù per 3 piani( senza ascensore) , con un ginocchio che ancora da fastidio, mentre smisterà 106 colli tra cantina, casa e garage… Per quanto riguarda voi, vi auguro di passare un bel fine settimana! 😉

A lunedì

Vi dico solo che…

… Oggi sono entrata a lavoro alle 8,00 e sono uscita alle 20,06.
Non mi reggo neanche in piedi.
Notte.
Buon fine settimana a tutti noi.

Scusate sono stanchissima…

20120127-212206.jpg… Me ne vado direttamente a letto. Domani cercherò di rimediare. Notte.